Annulla l’iscrizione ai blogger di fitness, passa a brevi allenamenti e altre regole che mi hanno aiutato ad amare lo sport

Annulla l’iscrizione ai blogger di fitness, passa a brevi allenamenti e altre regole che mi hanno aiutato ad amare lo sport
annulla l 8217 iscrizione ai blogger di fitness passa a brevi allenamenti e altre regole che mi hanno aiutato ad amare lo sport 60ddb64368896

L’editore Natalia Kapitsa – sul perché ha smesso di andare in palestra e si è cancellata dai blogger di fitness.

Likbez

Sono stato coinvolto nello sport per tutta la mia vita adulta. Prima scuola coreografica, poi palestra e corsa allo stadio. Di tanto in tanto, il nostro rapporto con lo sport è diventato bello: ho smesso di andare ad allenarmi e non ho nemmeno lavorato gli addominali a casa. A volte è durato diverse settimane, a volte diversi mesi. E una volta – quasi un anno. Il ritorno è stato sempre difficile e ha attraversato diverse fasi: dolore, negazione, rabbia, contrattazione, accettazione. Mancava solo uno: il piacere. Non mi piaceva fare sport, ma la sindrome del mancato guadagno, ricevuta dopo aver visto i glutei perfetti di qualcun altro sui social network, è diventata una motivazione per l’acquisto di un altro abbonamento.

Ho lavorato sodo. Il che era stupido e irrazionale, soprattutto considerando il peso di 49 kg con un’altezza di 172 e l’assenza quasi totale di problemi con la qualità della pelle

Ogni sessione di formazione è stata accompagnata da emozioni negative e dalla contrattazione con se stessi. Dopo aver visitato la palestra, stavo ancora aspettando quella sensazione di leggerezza e soddisfazione, di cui i blogger di fitness amano parlare. Ma non avevano fretta di guardare la luce nella mia testa, sfiniti da forme aliene. Una volta decisi fermamente: la mia vita è troppo breve per dedicarla a tali sofferenze tre volte alla settimana. È meglio lasciare che le mie ossa diventino un po’ grasse piuttosto che sacrificare il mio umore, quindi recuperare gli altri, ricompensandoli generosamente con la mia irritabilità e negatività.

Non faccio sport da 4 mesi. Ed era assolutamente felice, avendo smesso di sentirsi in colpa. E poi c’è stata una sorpresa: un giorno volevo lasciare il club Dusty Dumbbells: ho tirato fuori dall’armadio degli elastici per il fitness, un tappeto e una corda per saltare. Il mio primo allenamento è durato 15 minuti, mi sono divertito a non dover nulla a nessuno. Solo a me stesso. Lo sport è tornato nella mia vita, così come una bella stampa, che, in effetti, non è andata da nessuna parte. Innamorarsi degli allenamenti a casa è facile se segui semplici regole. Eccoli.

 

Regola n. 1: diventa un motivatore

La prima cosa che ho fatto sulla strada del recupero “sportivo” è stata annullare l’iscrizione a tutti i blogger di fitness che vivevano sul mio Instagram. E ce n’erano molti, oltre a pagine con ricette in PP, che promuovono che il petto di pollo in una padella asciutta è delizioso. La motivazione per fare sport dovrebbe essere te stesso, e non la ragazza dei social network, che molto probabilmente sembra completamente diversa nella vita. Attività fisica significa salute, buon metabolismo e un bel corpo. Il tuo corpo, non quello con il costume a righe. È qui che inizi.

Regola n. 2: Divertiti

Quando andavo in palestra, due cose mi opprimevano di più: il carico fino a 7 sudate e il tempo impostato dall’allenatore. E così, bagnato e scontento, guardo di nascosto il mio orologio, contando ogni secondo finché non posso lasciare il “regno dei cubi e dei bicipiti”. Il mio primo allenamento dopo la pausa è durato non più di 15 minuti. Ho finito esattamente quando mi sentivo stanco e non volevo continuare. E il secondo se n’era andato 15. E il terzo. Due settimane dopo, io stesso volevo aumentare il tempo: il carico sembrava insufficiente e ridicolo. Oggi il mio allenamento standard dura circa un’ora. Ma se domani voglio fermarmi tra 30 minuti, lo farò senza rimorsi.

Regola N3: sbarazzati della colpa

Non devi niente a nessuno se non a te stesso. Non dovresti vergognarti dopo aver mangiato “Milfey” o imbarazzato dal fatto che qualcuno stia arando nel corridoio e tu sia sdraiato sul divano con il gelato. Lo sport è una storia sulle endorfine (ormoni della gioia), non sul cortisolo, l’ormone dello stress. Se stai costantemente alzando il livello del secondo, perché è necessario tutto questo? I tuoi muscoli fanno male? Fai un bagno di sali di magnesio e non forzarti a fare cose che non ti va di fare.

Regola n. 4: comprendere i vantaggi degli allenamenti brevi

È stato a lungo dimostrato che un breve allenamento “corretto” di 15 minuti può essere più efficace di una palestra di due ore. Lo sport per la salute non è una storia sul tempo. Prima di scegliere un’attività che funzioni per te, fai qualche ricerca, provane di diverse e poi stabilisci ciò che ti piace davvero.